Il cane in viaggio - Pianetacaccia

Vai ai contenuti

Menu principale:

Il cane in viaggio

Informazioni utili



L'auto è generalmente il mezzo più comodo, dà ampia libertà di movimento ed è di solito ben tollerata dai cani. L'unico inconveniente è che, almeno in Italia, non ci sono piazzole di sosta ben attrezzate.

In treno è consentito il trasporto cani seguendo le regole indicate in base alla taglia dell'animale. Il trasporto è gratuito nelle apposite gabbiette che non superino cm 70x50x30, per quelle di dimensioni superiori è dovuto un importo pari a circa il 40% del biglietto. In seconda classe cani di piccola taglia, previo pagamento del biglietto ridotto del 40%, possono viaggiare in braccio al padrone.

Per i cani di grossa taglia, se non muniti di guinzaglio e museruola, oltre al pagamento del biglietto ridotto, è necessario noleggiare l'intero scompartimento. Nei treni Eurostar possono invece viaggiare solo i cani guida per non vedenti, è vietato l'accesso a tutti gli altri.

Sugli ETR (pendolini) possono viaggiare gratuitamente i cani piccoli dentro trasportino di cm 32x32x50 collocati negli spazi indicati dal personale FS. Nelle vetture letto sono ammessi cani di piccola taglia e solo nel caso che venga prenotato tutto lo scompartimento. Tali condizioni di trasporto possono comunque essere soggette a variazioni da parte delle F.S..

L'aereo è il mezzo che più crea problemi di adattamento all'animale. I cani di piccola taglia in genere possono viaggiare nella cabina con il padrone, quelli più grandi, invece, debbono essere messi nell'area bagagli: il viaggio può risultare molto traumatico!

Maggiori informazioni in merito vanno comunque richieste alle compagnie aeree considerando che, quelle che seguono il regolamento IATA (International Air Transport Association) permettono l'imbarco di un solo animale per ogni classe e/o sezione di cabina, quindi conviene prenotare con largo anticipo.

In nave, escluse quelle da crociera dove non sono ammessi animali, non esiste una normativa unica serve anche qui informarsi prima presso la compagnia; l'unica certezza è che bisogna avere a portata di mano il certificato di buona salute e, in alcuni casi, quello di vaccinazione antirabbica. Su alcuni traghetti esistono apposite gabbie (canili) adibite al trasporto di cani. Anche le tariffe sono variabili da compagnia a compagnia.


 
Torna ai contenuti | Torna al menu