Foto e commenti 1 - Pianetacaccia

Vai ai contenuti

Menu principale:

Foto e commenti 1

Foto e commenti

BATTUTA QUAGLIE E COLOMBACCI
GRUPPO CARPENTIERI-RUOCCO
SETTEMBRE 2012


Salve,
volevo ringraziarvi per la grande disponibilità che ci avete dato presso la vostra ottima organizzazzione Pianeta Caccia, e complimenti per la scelta delle zone di caccia che si sono rilevate eccellenti, con queste poche righe spero di aver espresso quanto sono rimasto contento per aver abbattuto le 100 quaglie e i 30 colombacci insieme a voi saluti, Antonio.

Battuta caccia mista

Gruppo Russo Cosimo, Lampitella Antonio e Barbato Nicola

Sabato 12 novembre 2011

L'atmosfera di un mosaico magico,costruito con pochi ingredienti ma tutti insieme e sospesi nel tempo. Il luogo-Casa Orabona in Gradinari:accogliente, calda e solida.
Le presenze
-Rossella:Grazia ,signorilità ed efficienza,degna di papà. La signora tuttofare:gentile,sorridente,presente.
-Ciccio-Grande cuoco per vocazione e non per mestiere:tenero e paterno.
La selvaggina-I fagiani e le lepri:veri animali che ti fanno sentire vero cacciatore,creati dal territorio ed in simbiosi con esso,insostituibili!!!
I cani-Tra tutti e più di tutti(miei e non)Nero:Con lui sai di essere un compagno,è lui che caccia,tu completi l'atto,uno spettacolo della natura.
Ed infine l'Uomo-Angelo:sintesi di quello che si vorrebbe da un amico che ti porta a caccia e che ,con te,condivide questa grande passione.Specie in estinzione Auguri amico mio,auguri di cuore,soprattutto adesso. Che tu possa accompagnarci ancora per tanto tempo ed in piena forma. Che Dio ti salvaguardi!!!Tutto questo è stato per me Pianeta Caccia in Gradinari (Romania).
MEMORABILE!!!!!Antonio Lampitella


Domenica 13 novembre 2011



Venerdì 2 settembre 2011 Quaglie e tortore

Massimo Genio

Apertura 2011

Bernardo Monti

Guarda – mi fa Angelo – quello è un picchio rosso - e mi indica un uccello che si è posato su un ramo di una pianta secca – da noi sono diventati rari, ma qui l’ambiente è ancora intatto -.
La ragione che mi ha portato per la prima volta a caccia in Romania non era la speranza di facili carnieri o il numero di capi abbattuti, ma la voglia di mettere le mie pointer a contatto con selvatici veri e che dessero loro la possibilità di esprimere le qualità della razza.
La scarsezza del passo delle quaglie e il caldo africano, hanno fatto sì che nei tre giorni di permanenza a Gradinari il fucile abbia parlato poco, ma in compenso ho assistito a una serie di azioni delle mie cagne su  una selvaggina naturale (veramente tanta)  che in Italia abbiamo ormai perduto. Sciogli e la cagna è già in ferma su una femmina di fagiano, vai avanti e parte una lepre, in fondo a una lista di granturco rado è uno scoppiettio di fagianotti  di una numerosa covata,da un ciuffo di panicastrella presso un affioramento d’acqua, si invola un gruppo di germani.
Infine verso sera vedo la giovane Flo che prima si abbassa in filata e poi ferma una numerosa brigata di starne. Questo è il paradiso venatorio ritrovato e la felicità del cacciatore che ama il cane da ferma.
Non nascondo che prima di partire avevo qualche riserva, che è completamente scomparsa quando ho incontrato Angelo Orabona e la figlia Rossella. Ho subito capito che avevo a che fare con ottime e disponibili persone che hanno reso la mia permanenza in Romania piacevole e rilassante. Come dimenticare la cucina sapientemente curata da Angelo – ah… quei gamberi e quella pasta condita col sugo di stinco – che il mio robusto appetito ha oltremodo gradito.
E’ stata una esperienza che ripeterò sicuramente, magari in un periodo diverso di caccia, contando impaziente fin da ora i giorni che mi separano dal giorno della partenza.
Bernardo Monti

Apertura quaglie 2011 (22-08-2011) con Re di quaglie


Quercia Goiacchino

Battuta mista
Gennaio 2011


Battuta mista
Dicembre 2010


Battuta fagiani
Dicembre 2010


Battuta di caccia mista


Caro Angelo,
volevamo ringraziarti per la bella esperienza che abbiamo vissuto presso la tua struttura.
La tua squisita ospitalità, unitamente alla ottima organizzazione ed alla grande professionalità dei tuoi dipendenti, hanno reso il nostro soggiorno indimenticabile.
Gli splendidi paesaggi e la natura incontaminata resteranno impressi nella nostra memoria e saranno motivo di un nostro prossimo ritorno per vivere insieme un'altra straordinaria avventura.
Affettuosi saluti.
Giovanni e Massimo


Ospiti non cacciatori


Volevamo segnale l'ospitalità ricevuta nella casa di caccia di Gradinari, la competenza e l'eleganza nelle scelte da parte del Prof. Orabona .
Il complesso è idoneo ad ogni tipo di vacanza, non solo per i cacciatori.
Cucina italiana a 5 stelle e tutti i conforts. Dalla linea internet alla tivù con un sostanzioso numero di film in dvd. Quiete, pulizia ed aria buona sono la cosa che ci hanno colpito in modo particolare.
Esperienza unica che ripeteremo al più presto. A chi non c'è mai stato, consigliamo di andarci al più presto.
Michele Pisani
Gaetano Cecere


Apertura quaglie 2010 con Re di quaglie


Battuta mista

Caro Professore,
Sono ormai molti anni che cacciamo all'estero, e abbiamo sempre pensato che il posto migliore non fosse quello che eccelle per la caccia o per lo stare bene a casa o per il cibo o per il rapporto con il territorio, ma quello che trovasse un equilibrio più o meno tra tutti questi elementi, che in qualche modo ti permettessero di sostare in un luogo lontano da casa qualche giorno, riuscendo a viverci e nel contesto anche a cacciarvi.
C’eravamo sbagliati.
Da te, caro professore, gli elementi che ho sopraelencato sono esaltati tutti uno per uno creando attorno ai tuoi ospiti un’atmosfera che migliore non si oserebbe sperare facendo del tuo colloquio il punto cruciale della tua forza di uomo.
Grazie professore
Antonio Garbuglia e company

Battuta acquatici




Battuta fagiani,starne e lepri

Prima giornata di caccia


Caro Prof. Angelo, alla fine di un' esperienza segue sempre una pausa di riflessione dalla quale scaturisce il bilancio di tutto ciò che di positivo o di negativo questa esperienza ci ha lasciato. Capita sempre così. Tutte le esperienze,belle o brutte,entrano inevitabilmente a far parte della nostra vita e ci arricchiscono di sensazioni e di emozioni difficili da dimenticare. Quando, per la prima volta,ho avuto contatti con lei ho capito che la sua disponibilità e la sua serietà mi avrebbero garantito un'esperienza certamente positiva. Ma alla prova dei fatti,le devo confessare che la realtà ha ampiamente superato ogni mia aspettativa. Infatti quello che ho trovato al mio arrivo a Gradinari è andato oltre ciò che io pensavo di trovare. Come immaginare la varietà della fauna locale?Quegli sterminati e bellissimi territori sono ricchi di fagiani,starne e lepri. La ricchezza e la varietà della selvaggina hanno impegnato i miei cani in una caccia così stimolante da permettere loro di esibirsi in azioni da manuale. E come dimenticare quelle bellissime scene di caccia rievocate con l'amico Mattia durante il lungo viaggio di ritorno?E i suoi commenti,professore, bonariamente ironici al ritorno da ogni battuta di caccia. E come non ricordare le allegre ed abbondanti cene e le serate passate a raccontare e a commentare ciò che durante la giornata era accaduto?Ed infine,ma non da ultimo,come scordare Mircia, il guardiacaccia, e la cuoca e suo marito? Persone di profonda sensibilità oltre che di grande professionalità. E' un bilancio certamente positivo quello che scaturisce da questa entusiasmante esperienza che ripeterò, spero, in un futuro vicino.
Cordiali ed affettuosi saluti, Antonio Cerciello


Battuta Cinghiale

 
Torna ai contenuti | Torna al menu